ORIENTARE L’ALUNNO AL FINE DI OPERARE SCELTE CONSAPEVOLI E ATTINENTI AI PROPRI BISOGNI DAL PUNTO DI VISTA UMANO, SOCIALE E PROFESSIONALE

Alle fine di ogni azione raccoglieremo gli esiti delle azioni svolte da questo Istituto in merito all’ attuazione del PDM e relative all’ obiettivo di processo “ ORIENTARE L’ALUNNO AL FINE DI OPERARE SCELTE CONSAPEVOLI E ATTINENTI AI PROPRI BISOGNI DAL PUNTO DI VISTA UMANO, SOCIALE E PROFESSIONALE ”. Premesso che l’orientamento scolastico-formativo è inteso nella sua dinamicità come parte integrante del processo di maturazione della personalità del ragazzo, l’intervento orientativo della nostra scuola si configura come un insieme di azioni mirate a supportare l’allievo, in qualsiasi situazione, quasi a prevenire eventuali insuccessi scolastici. Le attività di orientamento si svolgeranno, dunque, con le finalità di aiutare il soggetto all’autovalutazione e all’auto-orientamento, al riconoscimento degli interessi e delle attitudini, alla consapevolezza della propria identità, alla conoscenza dell’organizzazione scolastica italiana. La scuola, in questo contesto, gioca un ruolo fondamentale in quanto un luogo strutturato, in cui l’allievo impara a vedersi e a valutarsi in funzione di risultati e delle interazioni significative che in esso si costruisce. L’azione orientativa configurata in questa nuova dimensione, si svolgeranno, per gli alunni, attraverso varie fasi: 1. Incontri con i referenti di tutti gli Istituti Superiori del territorio per la presentazione dell’offerta formativa. A questi incontri parteciperanno tutti gli alunni delle classi terze (3aA-3aB-3C) . 2. Somministrazione di un questionario sugli stili di apprendimento; 3. Somministrazione di due questionari di autovalutazione degli interessi, delle attitudini e delle competenze (metodo Holland). La somministrazione dei test, che si ispira alla teoria di John L. Holland, sarà effettuata con lo scopo di offrire stimoli di riflessione per alunni riguardanti gli interessi e i possibili percorsi formativi e non come strumento tecnico predittivo. Gli alunni hanno effettueranno i test al computer, e successivamente leggeranno e analizzeranno, con l’insegnante di classe, il profilo corrispondente, ottenuto dal punteggio.